Il sogno di un viaggio on the road in Svezia

La prima auto di Hans era stata una Volvo 123 GT. Con essa, già a 18 anni Hans sognava di andare in Svezia a Göteborg. Ma poi ebbe un incidente e dovette rivenderla.

Molti anni più tardi Hans acquistò una Volvo P1800S e, dopo aver impiegato due anni per ripararla e rimetterla in sesto, riprese a sognare il famoso viaggio on the road in Svezia.

L’11 giugno di quest’anno finalmente è partito: solo lui e la sua Volvo, da Männedorf sul lago di Zurigo fino a Göteborg. Dopo aver caricato a bordo bagagli, pezzi di ricambio e attrezzi, il suo sogno ha iniziato finalmente a diventare realtà. In tre settimane Hans e la sua Volvo del 1986 hanno percorso 5350 km, per lo più su strade di campagna.

Il viaggio li ha portati dapprima nel nord della Francia, attraverso il Lussemburgo, lungo la Mosella e sul mitico circuito di Spa Francorchamps. In Belgio hanno visitato Liegi e Anversa con il suo porto imponente, per poi proseguire fino in Olanda. Qui all’Aia hanno fatto sosta al Museo Louwmann.

Non poteva mancare poi una capatina al circuito di Zandvoort. Lungo il tragitto hanno ammirato costruzioni spettacolari, come la diga che separa il lago Ijsselmeer dal Mare del Nord, il ponte di Storebelt in Danimarca e il ponte di Öresund, che li ha portati a Malmö in Svezia.

Hanno visitato molti piccoli musei di auto e aerei lungo la costa e a Ängelholm hanno scattato una foto ricordo della sede principale di Königsegg.

 

Arrivato a Göteborg, Hans ha visitato la fabbrica di Volvo, da dove è uscita anche la sua P1800S. Nel museo Volvo ha avuto la possibilità di incontrare il direttore, che gli ha procurato le informazioni sulla sua auto, conservate nell’archivio della fabbrica.

Sono seguite la visita al Museo Saab a Trollhättan e quella al Museo dei motori di Motala.

Fra le altre tappe importanti vi sono state poi Jönköping, con il museo di Husqvarna che offre uno spaccato della storia movimentata dell’azienda, la regione delle vetrerie (Kosta, Boda, Orrefors) e per finire l’isola di Öland, dove Hans ha potuto assistere alla tradizionale festa svedese del solstizio.

A Trelleborg Hans e la sua Volvo hanno lasciato infine la Svezia e, dopo sei ore di traghetto, sono approdati a Rostock. Hanno fatto tappa in alcune località della Germania orientale e hanno visitato Zwickau con il Museo August Horch.

Dopo Passau, detta la città dei tre fiumi, sono arrivati infine a Monaco di Baviera, dove non poteva mancare una visita alla BMW e al Deutsches Museum, il museo tedesco della scienza e della tecnica. Dopo aver attraversato oltre 10 paesi, Hans e Simon (l’auto) sono tornati a casa indenni, con alle spalle 21 giorni di viaggio e di bel tempo, senza incidenti e senza panne, con un bagaglio ricco di nuove esperienze e nuovi incontri – il tutto documentato in circa 2500 fotografie.

Hanno incrociato sguardi pieni di ammirazione e gesti di incoraggiamento, mentre per loro un grande sogno, finalmente, diventava realtà.