Polestar in lizza per la pole position elettrica?

Un tempo brand simbolo di Volvo per vetture dalle grandi performance, Polestar è diventato oggi il nuovo marchio indipendente per auto elettriche. Il neonato marchio fa il suo debutto con il modello Polestar 1, un lussuoso coupé ibrido che è stato presentato di recente a Shanghai. L’arrivo della nuova vettura di alta gamma è previsto già per il 2019 e porterà una ventata d’aria fresca nel mondo automobilistico.

Il coupé di lusso con quattro posti e 600 CV/441 kW lancia una chiara sfida a Tesla, BMW, Audi & Co. Questo modello offre un connubio perfetto tra autonomia elevata e grandi performance.

Il know-how e il design svedesi si sposano con la tecnologia di elettrificazione della casa madre cinese Geely. La notizia deve aver scosso soprattutto la casa californiana Tesla, che ora ha una diretta concorrente nel segmento premium delle auto elettriche. Inizialmente la produzione di Polestar 1, l’ammiraglia del marchio, sarà limitata a 500 unità, ma per la fine del 2019 è già previsto il lancio della Polestar 2 con una produzione molto più cospicua. Il terzo modello sarà un SUV sportivo di grandi dimensioni, progettato per sfidare a pieno titolo gli altri veicoli della categoria, come la Tesla Model X. Un nuovo stabilimento automobilistico è attualmente in costruzione a Chengdu e aiuterà il marchio premium a ridurre significativamente i tempi di commercializzazione dei nuovi veicoli, applicando la nuova strategia di distribuzione.

La Polestar 1 è l’esempio perfetto di quanto il Volvo Car Group abbia a cuore la sua strategia di elettrificazione. Addio gasolio, benvenuta presa elettrica, questo è il motto. Si parte da un ibrido plug-in con un’autonomia elettrica di 150 km, un valore tre volte superiore a quanto offerto attualmente dalle auto ibride plug-in convenzionali. La Polestar 1 monta due motori elettrici nel retrotreno, un motore a benzina a quattro cilindri anteriore e una batteria agli ioni di litio. La coppia di sistema raggiunge i 1000 Nm. I due modelli successivi avranno poi una propulsione esclusivamente elettrica. Secondo Thomas Ingenlath, CEO di Polestar e capo di Volvo Design, le motorizzazioni esclusivamente elettriche sono importanti per perseguire la visione del brand ed essere un marchio elettrico di alta gamma indipendente.

Il nuovo coupé di lusso mostra chiaramente alcune caratteristiche tipiche di Volvo e ricorda in un certo senso la S90. Ma la metà dei componenti è stata sostituita e la carrozzeria è in fibra di carbonio, per rendere l’auto ancora più leggera e aumentare la sua autonomia. Il peso ridotto grazie alla nuova carrozzeria in carbonio corrisponde al peso del blocco batteria. Con una lunghezza di 4,50 m questo modello è più corto di 65 cm; anche il passo è stato ridotto di 32 cm. I materiali interni sono più moderni e il telaio monta ammortizzatori a taratura variabile.

I progressi sono evidenti e non solo nella tecnologia e nel design. Anche la strategia di distribuzione sarà innovativa. La Polestar 1 non sarà venduta attraverso una rete tradizionale di concessionari, ma attraverso una piattaforma Internet. Tuttavia, la casa automobilistica non punta a eliminare completamente la presenza fisica: in alcuni «Polestar Spaces» sarà possibile scoprire questo coupé di lusso dal vivo. Le mutate esigenze dei consumatori saranno soddisfatte attraverso un sistema di abbonamenti che consentirà agli utenti di guidare i veicoli a marchio Polestar pagando un canone mensile. I servizi di ritiro e consegna saranno inclusi nella tariffa mensile fissa. La chiave digitale, recentemente introdotta nella Volvo XC40, sarà integrata fin da subito nei modelli Polestar rendendo così superfluo l’uso di una chiave tradizionale.

Se vuoi saperne di più sulla strategia di elettrificazione di Volvo contatta il concessionario Volvo nella tua zona.